Home » Mangiare Bere

Benvenuti nella rubrica Food and Wine di fvg.INFO: mangiare e bere bene in Friuli Venezia Giulia!

 All’interno: Piatti tipici del Friuli Venezia Giulia, prodotti locali e giovani produttori, ristoranti e trattorie nella regione FVG. 

Questo elenco di veloce consultazione sui prodotti tipici e piatti tradizionali più conosciuti delle principali località del Friuli Venezia Giulia, permetterà al turista e al navigatore di avere un quadro d’insieme collegando prodotti, pietanze e vini alle varie zone della regione.

Il Friuli Venezia Giulia presenta un paesaggio ricco di montagne e boschi con laghi e fiumi, mare con spiagge dorate ma anche rocce e scogliere e regala varietà di materie prime e prodotti valorizzati all’interno delle ricette tipiche della cucina regionale. Specialità a base di carne e cacciagione, insaccati e formaggi; varietà di pesce di mare dai fondali sabbiosi o rocciosi e pesce di lago, famose produzioni di vini ed olii.

Partendo dalla città di Trieste  parliamo naturalmente di mare. Il pesce tipico del golfo sono sicuramente i sardoni barcolani, piccoli pesci dal gusto delicato, branzini, piccoli merluzzi, sgombri, lucerne, orate, cozze, vongole, cicale di mare e granzievole,  seppie e calamari. Trieste vanta una produzione di vini tipici del Carso triestino come il Terrano e  la Vitovska, di ottimo olio extravergine d’oliva,  recentemente anche della birra artigianale; non va dimenticata la lavorazione del caffè, bevanda molto apprezzata dai triestini.

I Ristoranti e trattorie tipiche di Trieste propongono i piatti tradizionali come la Jota -una minestra di fagioli e crauti-, la minestra di orzo e fagioli, svariati piatti di pesce , anche in crudo,  preparati con il pescato fresco, brodetto di pesce con polenta e il baccalà.  Tradizionale spuntino della città di Trieste è il prosciutto cotto caldo in crosta di pane gustato con senape e kren. I dolci hanno radici austriache, come la torta Sacher, lo Strudel e poi Presniz, Putizza, la Pinza -pane dolce che nel periodo pasquale viene gustato con il prosciutto cotto-, le fave triestine, deliziose palline di zucchero e mandorle, le frittole. La zona del Carso regala vini, olii, formaggi, miele marasca del Carso e  prosciutto crudo da degustare presso le tipiche Osmizze.

La zona del fiume Isonzo e la città di Gorizia offrono il pregiato radicchio rosso di Gorizia, i vini, i tradizionali dolci come la Gubana e la Putizza. Presso i ristoranti di Gorizia si possono assaggiare le ricette tradizionali una delle quali, imperdibile, è il salame all’aceto. Aquileia, Grado e Marano, sede dell’allevamento dei branzini e di vongole, offrono pesce dell’Adriatico ma anche le pesche e gli asparagi di Fiumicello; i ristoranti di Grado sono famosi per la preparazione del brodetto di pesce con il rombo accompagnato dalla polenta, piatto tipico di questo luogo di vacanza sul mare.

Le Dolomiti friulane e l’area di Pordenone presentano un’ampia produzione di formaggi di montagna e formaggi di pecora, tartufi e salumi, miele, olio extravergine d’oliva, birra e vino Barbatella. La città di Udine, ideale per  la varietà di trattorie e ristoranti vanta tra i prodotti tipici l’asparago bianco di Tavagnacco e riserva ricette tradizionali come il frico croccante, la brovada – rape bianche macerate nella vinaccia di uve rosse – e il piatto tipico friulano per eccellenza: il cotechino o meglio il musetto (musèt). Le Valli del Natisone sono un’area tutta da scoprire per i paesaggi incantevoli e le tipicità dei prodotti come burro, salami e soppresse, il miele e i dolci Gubana e i piccoli, deliziosi Strucchi(struki).

La zona della Bassa friulana riserva gustosi prodotti enogastronomici come le bleve di Mortegliano (farina per la polenta), il formaggio, il tartufo bianco di Muzzana e la carne d’oca verso Palmanova, le pesche e gli asparagi di Fossalon e persino la neonata produzione di riso nella zona di Paradiso, Pocenia. Il Parco naturale dello Stella, oltre alla natura meravigliosa è il luogo adatto alla degustazione di piatti a base di anguilla, per non tralasciare il Collio con i suoi vini, il prosciutto crudo affumicato di Cormons e l’aceto di vino della medesima zona.

Le Prealpi e Alpi Carniche vantano una piccola cittadina di nome San Daniele che, con la produzione di prosciutto crudo, è famosa nel mondo ( Festa del prosciutto di San Daniele, chiamata Aria di Festa, ultima settimana di agosto ogni anno).

Ma San Daniele è rinomata anche per la trota salmonata allevata nel Tagliamento e delle uova di trota. Nella medesima zona ottima produzione dei famosi vini bianchi friulani e di olio extravergine d’oliva, l’area della località Corno di Rosazzo merita una sosta per i vini, la grappa, le soppresse ( dei particolari salumi) e la cucina locale. Dirigendo l’attenzione verso la Carnia, va segnalato al navigatore quanto la regione Friuli Venezia Giulia sia variegata ed eclettica nelle sue diversità paesaggistiche, dal mare ai monti, e nelle tradizioni culinarie, ciò la rende particolarmente interessante da visitare e scoprire.

Visitare la Carnia significa tuffarsi in una realtà fiabesca per paesaggi e tradizioni. Uno dei primi, deliziosi doni di questa terra è il famoso prosciutto crudo di Sauris (festa del prosciutto di Sauris ogni anno a luglio) e di seguito i formaggi di malga, le ricotte, il formadi frant (formaggio spezzato condito e stagionato) e il burro, coltivazioni di alberi di mele.

Nei boschi dell’area troviamo funghi, erbe spontanee come il radicchio di monte (lidric di mont), la selvaggina e miele. Ottima produzione di marmellate, e succo di mele. Alcuni piatti tipici della tradizione carnica sono il frico morbido di patate, la polenta e cjarcions (grossi tortelloni  con ripieno dolce/salato).  

Concludendo questa veloce carrellata di sapori made in Friuli Venezia Giulia non tralasciamo la zona del Tarvisiano dove Italia, Austria e Slovenia si incontrano e dove si produce il formaggio Montasio, il latteria, le ricotte e il formaggio sotto vinaccia (formadi sot la trape) e dove si raccoglie il silene – detto sclopìt – un’erba spontanea ideale per risotti e frittate. L’aglio della località di Resia ha un gusto delicatissimo e il miele della zona è uno dei migliori.

Nelle cantine, enoteche e ristoranti del Friuli Venezia Giulia si degustano gli innumerevoli vini di produzione regionale, ne nominiamo solo alcuni: Friulano e Vitovska, la Ribolla gialla, il Verduzzo, Ramandolo, Pinot, il Picolit; i rossi come il Terrano, il Refosco dal Peduncolo rosso e lo Schioppettino, la Barbatella.

 

BUSINESS PARTNERS

Immagini del Friuli Venezia Giulia